LA STORIA DEI NOSTRI BENEFATTORI ANGELA E JEAN GARAVAGNO

Dettagli del documento

Data:

venerdì, 11 giugno 2021

ANGELA e JEAN GARAVAGNO

Descrizione

LA STORIA DI UN GRANDE UOMO E DI UNA GRANDE DONNA: I NOSTRI BENEFATTORI.

Ho conosciuto Jean Garavagno ad Agosto 2018 presentatomi da un costruttore edile di Trinità, il Signor Giovanni Sanino

Jean voleva conoscere il sindaco! Il primo incontro me lo ricordo come se fosse ora. Non potrò mai scordare l’effetto che ha avuto su di me questo Signore. Mi è parso fin dal primo momento una Persona di grandi qualità e di grande animo. I Suoi occhi ed i Suoi modi estremamente cortesi accattivano l’attenzione e non ti lasciano mai. Il Suo sorriso è solare e la Sua gioia di vivere ti coinvolge. Le prime parole mi hanno fulminata: “ ho avuto una vita meravigliosa”. Quando mai un essere umano ha espresso un giudizio così denso di significato e disarmante! Il Suo secondo pensiero è stato “voglio fare una donazione al suo paese” e questo mi ha sorpreso un po’ perché quasi tutte le persone che varcano la soglia del mio ufficio vengono per chiedere o per lamentarsi, ma non finisce qui. Io ho pensato in quel momento che avrebbe elargito una somma di denaro, magari diecimila euro che per il comune sarebbero stati una manna dal cielo!! Figuratevi la mia sorpresa quando mi afferma che donerà due villette di nuova fabbricazione! Per la prima volta in vita mia sono ammutolita! La sorpresa fu tanta da non sapere che cosa dire e che cosa fare. Mi ha colta impreparata quella volta e continua a stupirmi ogni giorno di più. Dovreste vedere con che gioia presenta le Sue offerte. È un Uomo che si è  costruito dal nulla. Nasce il 28 marzo 1936 nel Principato di Monaco e con difficoltà lavora e studia. Conosce la Sua compagna di vita Angela da giovanissimo ed il detto che dietro un grande uomo c’è una grande Donna qui si è realizzato in modo eccellente. Si sposano giovanissimi, il 16 settembre di quest’anno faranno le nozze di diamante, 60 anni di perfetto accordo e sintonia, una vita insieme a costruire con grande sacrificio ed abnegazione un patrimonio che vogliono donare per opere sociali. Jean si diploma ragioniere, e prima di partire per la guerra d’Algeria vende le auto e le poche cose che ha ed acquista una cantina che saggiamente trasforma con piccoli accorgimenti e la creazione di un bagno in una camera di servizio in quanto questa cantina ha la peculiarità di avere una piccola finestra. La affitta ed i proventi che ne derivano gli permettono di mangiare qualche buon pasto durante la guerra. Questo è l’inizio di tutto. Vivono, i due sposi, in un piccolissimo alloggio malsano ed umido i loro primi  anni ma entrambi con la loro intelligenza ed ingegnosità fanno strada. Jean lavora in una grande multinazionale farmaceutica  come direttore amministrativo ma quando propongono di diventare  direttore generale  Lui rifiuta e si ritira. Con questo lavoro costruisce e progetta grandi opere ed entra a far parte del mondo immobiliare che che sarà il Suo futuro e farà della sua grande passione per questo mondo il suo lavoro stabile. Acquista case, magazzini, alloggi e li ristruttura, li rende belli e comodi consigliato sempre da Angela che di nome e di fatto è il Suo angelo custode. Angela e Jean fanno grandi viaggi e girano tutto il mondo per loro piacere, hanno contatti con persone importanti e conservano amicizie prestigiose. A Monaco conoscono le più alte cariche del regno, tutt’ora sono inseriti nella società e sono rispettati. A marzo di questo anno donano duemilioni di euro all’ospedale Principessa Grace e sono circondati dal Ministro della Salute Gamerdinge, il Presidente del CHG Andrè Garino, la Direttrice dell’ospedale De Sevellingese dai medici tutti. Angela e Jean spiegano che essendo stati a contatto molti anni con il GHPG hanno potuto apprezzare il vero valore , l’organizzazione , l’efficienza dei vari servizi e la gentilezza del personale. La loro donazione permetterà l’acquisizione di un sistema di neuro-navigazione per ENT, un robot per la stimolazione magnetica trans-cranica in psichiatria e un sistema di monitoraggio emo-dinamico per la cardiologia, ma anche per finanziare progetti di ricerca clinica , cure palliative e qualità della vita. Torniamo a noi. Dopo le due villette, una al Soggiorno anziani ed una al comune, donano una macchina Doblò a sette posti che ha preso il posto di una vecchia punto di 21 anni molto scassata, edificano il nuovo teatro comunale con annesso il magazzino comunale sognati da sempre, ristrutturano la casa degli alpini e costruiscono una nuova sala annessa. Al castello dei conti Costa costruiscono le sedi per tutte le associazioni di Trinità. Un’opera gigantesca e di pregio storico gestita con la consulenza della Soprintendenza alle belle arti di Torino, costruiscono ed è in fase di chiusura la cucina il magazzino annessi alla palestra comunale per la proloco e le associazioni trinitesi ed ora, non paghi di tutto questo. mi  presentano un mega progetto per una costruzione abitativa tipo cohousing, molto conosciuta nei paesi nordici ed ora sentita anche in Italia. È un modello abitativo nato in Scandinavia negli anni sessanta  che combina l’autonomia dell’abitazione privata e la condivisione degli spazi  comuni da parte di piccoli nuclei famigliari. Nel nostro caso di coppie di anziani che non hanno la possibilità di pagare la retta di un soggiorno anziani ma che possono ancora essere abbastanza autonomi. Allestiranno l’alloggio composto da camera, angolo cottura salottino e servizi con i loro mobili di casa e potranno vivere sereni la loro vecchiaia. Saranno  compresi nel complesso anche gli uffici per l’unità minima locale che potrà essere utile ai residenti della struttura oltre che a tutti i cittadini trinitesi. Nella villetta abbiamo intrapreso un progetto con la cooperativa che gestisce il centro  diurno, Il Ramo, progetto detto “DI20”, che ha l’obbiettivo di offrire un’alternativa diurna a persone non inseribili in cooperative di lavoro favorendo la socializzazione , l’autonomia e l’empowerment dei beneficiari. Il progetto accoglierà annualmente 70 destinatari dai 16 ai 35 anni creando un punto di riferimento sul territorio per persone con difficoltà e svantaggi diversi e le loro famiglie. Le altre edificazioni attendono l’inaugurazione appena la pandemia permetterà ai coniugi Garavagno di raggiungere l’Italia e sarà una splendida festa averli qui con noi.

  Il nostro comune il 3 luglio 2019 ha dato la cittadinanza onoraria, mai così meritata, ai coniugi Garavagno e,   come sono a ripetere sempre, non basteranno cento vite per ringraziare la tanta bontà e generosità.

Un immenso e sentito e grandissimo grazie per la vostra incommensurabile generosità, la vostra gentilezza, la vostra gioia nel donare e la vostra preziosa Amicizia. Vi vogliamo un mondo di bene!

il Sindaco

Creazione

Inserito sul sito il sabato 12 giugno 2021 alle ore 10:54:55 per numero giorni 1072

Valuta da 1 a 5 stelle la pagina

Grazie, il tuo parere ci aiuterà a migliorare il servizio!

1/2

Vuoi aggiungere altri dettagli? 2/2

Inserire massimo 200 caratteri