Comune di
Trinità
Comune di
Trinità
Comune di
Trinità  Unione del Fossanese - Provincia di Cuneo
Il comune su
Stai navigando in : Le News
   Le News
GIORNO DEL RICORDO lunedì 12 febbraio ore 21,00 biblioteca

Il GIORNO del RICORDO fu istituito il 30 marzo 2004 in memoria delle vittime delle FOIBE, dell'esodo Giuliano-Dalmata, delle vicende del confine orientale e concessione di riconoscimento ai congiunti degli Infoibati. Gazzetta Ufficiale n. 86 13 aprile 2004.
Le foibe sono cavità carsiche di origine naturale con ingresso a strapiombo.E' in quelle voragini dell'Istria che fra il 1943 e il 1947 sono gettati, vive e morti, quasi diecimila italiani.
La prima ondata di violenza esplose subito dopo la firma dell'armistizio dell'8 settembre 1943: in Istria e Dalmazia i partigiani slavi si vendicano contro i fascisti e gli italiani non comunisti. Torturano, massacrano, affamano e poi gettano nelle foibe circa un migliaio di persone.La violenza aumenta nella primavera del 1945, quando la Iugoslavia occupa Trieste, Gorizia e l'Istria. Le truppe del maresciallo Tito si scatenano contro gli italiani. A cadere dentro le foibe ci sono fascisti, cattolici, liberaldemocratici, socialisti, uomini di chiesa, donne, anziani e bambini. 
l'unico superstite, che racconterà tutto sarà Graziano Udovisi.
la persecuzione dura fino al 1947 quando verrà fissato il confine tra l'Italia e la Jugoslavia.
ma il dramma degli istriani e dalmati non finisce.Nel febbraio del 1947 l'Italia ratifica il trattato di pace che pone fine alle seconda guerra mondiale: l'Istria e la Dalmazia vengono cedute alla Jugoslavia.. Trecentocinquantamila persone si trasformano in esuli che non trovano in Italia una grande accoglienza.La sinistra italiana li ignora, la vicinanza ideologica con Tito è la ragione per cui il PCI non affronta il dramma, e la classe dirigente democristiana considera i profughi dalmati cittadini di serie B e non approfondisce la tragedia delle foibe.I neofascisti non sono propensi a raccontare cosa avvenne alla fine della seconda guerra mondiale.Fra il 1943 e 1045 quelle terre sono state sotto l'occupazione nazista, in pratica sono state annesse al Reich tedesco.
Per cinquant'anni il silenzio della storiografia e della politica avvolge la vicenda degli italiani uccisi nelle foibe. E' una ferita ancora aperta, perchè è stata ignorata per tanto tempo?Inizia oggi l'elaborazione di una delle pagine più angoscianti e vergognose della nostra storia.
vogliamo insieme ricordare il 12 febbraio alle ore 21,00 presso la bioblioteca.

        
Effettua il login
              
Oppure registrati
Comune di Trinità
Via Roma, 1 - 12049 Trinità (CN)
Tel: 0172.66131
Fax: 0172 66482
Email: municipio@comune.trinita.cn.it
Partita IVA: 00367390044
Email: municipio@comune.trinita.cn.it
Per conoscere gli indirizzi Email di settore,
consultare la pagina UFFICI
Fatturazione Elettronica - Codice Ufficio: UFDNH1
Codice ISTAT: 004232
Codice catastale: L427
Codice fiscale: 00367390044
Partita IVA: 00367390044
Conto Corrente Postale:
IBAN (per i vostri bonifici bancari):
IT 09 S 06170 46900 000000301061
» Privacy » Note legali » Credits » Accessibilità

Accessibilità dei contenuti Web (WCAG) 2.0 (Level AA)    Licenza Creative Commons      eng fra esp deu ru chi ara

Realizzato con il CMS per siti accessibili e responsive cic

eng fra esp deu
ru chi ara por
Accessibilità dei contenuti Web (WCAG) 2.0 (Level AA)     Licenza Creative Commons

Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie al solo fine di monitorare le attività del visitatore e poter migliorare i contenuti e l'accessibilità del sito stesso.    Approfondisciaccetto
accetto
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento